Non i soliti servizi di traduzione!

Parole Migranti si occupa di ogni aspetto della traduzione e del lavoro di traduttore.

Specializzate nella traduzione letteraria ed editoriale per case editrici, abbiamo portato la nostra conoscenza anche alle traduzioni per aziende.

Oltre a tradurre, ci interessa molto promuovere la traduzione e sensibilizzare i lettori sul ruolo del traduttore e tematiche affini. Vogliamo mostrare e far capire agli altri cosa facciamo noi traduttori, perché spesso le persone neanche se lo immaginano, il nostro mondo. Non riescono quindi ad apprezzare il valore di un testo ben tradotto. Il nostro è un bellissimo mestiere, e sarebbe un peccato rimanere nascosti.

Da qui l’idea dei Salotti di traduzione, di Intrecci – la rivista e del podcast Zeppa, per presentare i traduttori e le loro traduzioni, e condividere il nostro lavoro.

I NOSTRI SERVIZI

Parole Migranti si occupa di traduzione e formazione per traduttori.

TRADUZIONE

Vogliamo portare una ventata di novità nella metodologia di traduzione. Crediamo, infatti, nella traduzione collaborativa e nel suo potenziale. In un primo momento lavoriamo sul testo individualmente, poi ragioniamo insieme e confrontiamo le singole versioni. E condividiamo la traduzione, discutendo le varie decisioni. Solo così si arriva a un testo più armonioso e accurato in italiano, dal punto di vista formale e del contenuto.

FORMAZIONE

Organizziamo corsi di traduzione letteraria da varie lingue: inglese, russo, tedesco, francese, cinese, giapponese, spagnolo e molte altre!

Grazie ai nostri corsi avrai un’esperienza concreta da traduttore che può essere una pubblicazione sulla nostra rivista Intrecci o un primo contatto con una casa editrice.

Alla base dei nostri servizi c’è la qualità e l’armonia di tre traduttrici professionali che amano il proprio lavoro e, soprattutto, amano condividerlo: tra di loro, ma anche con i propri clienti. La cosa fondamentale per noi? Soddisfare le esigenze delle persone che si rivolgono alla nostra realtà.

PAROLE MIGRANTI: IL NOME

Il nostro nome ha una storia particolare, e ha a che fare con il lavoro di squadra. Sì, perché nasce intorno a un tavolo, durante una chiacchierata. Cercavamo un’immagine per descrivere la traduzione, e parole migranti rende bene l’idea. Suggerisce il movimento, il passaggio di parole da una lingua a un’altra.

Simile però a una migrazione, perché a spostarsi non sono solo le parole.

I traduttori lavorano in un territorio di frontiera, e spostano mondi.

LA NOSTRA STORIA

Parole Migranti ha iniziato a prendere forma dietro i banchi di un master in traduzione a Milano, dove ci siamo conosciute.

Si è subito creato un legame speciale, ed è nata una grande amicizia.

Siamo tre persone diverse, con storie diverse. Eppure abbiamo una grande passione in comune: la traduzione letteraria, e quindi, con tenacia ed entusiasmo, abbiamo deciso di coltivare quella passione e trasformarla in un lavoro.

Cristina Galimberti - Traduttrice professionista

Cristina Galimberti

Nata e cresciuta in un paesino tra le montagne bergamasche. Le lingue straniere sono da sempre la sua passione. Sarà per questo che non ha mai smesso di perfezionarle: un diploma linguistico al liceo G. Falcone di Bergamo, una laurea in Mediazione linguistica e culturale all’Università degli studi di Milano. Dopo la triennale, però, sente di non aver ancora trovato la sua strada. Vola sei mesi a Berlino per migliorare il suo tedesco. La frizzante capitale mitteleuropea lascia un segno indelebile nei suoi ricordi e le insegna a essere tenace quanto basta. Tornata in Italia, si rimette in gioco. L’amore per la traduzione letteraria scatta mentre frequenta l’ISIT di Milano, dove si laurea nel 2015. È felicemente vegetariana, ma adora Ragù, il suo famelico gatto rosso, ed è mamma di Ray e Juno. Ama i viaggi – meglio se avventurosi – e il racconto «Eveline» di Joyce, perché riesce a commuoverla ogni volta.

Martina Ricciardi

Nasce a Lerici, in Liguria, e lì rimane fino a diciannove anni, quando, convinta di voler fare la traduttrice da grande, si trasferisce a Genova e comincia il suo viaggio tra le lingue: l’inglese e il russo.
Dopo Genova e sette mesi indimenticabili a San Pietroburgo, si trasferisce a Milano per rincorrere il suo sogno di diventare traduttrice letteraria.
Una volta laureata, comincia a navigare nel mare tempestoso dell’editoria, e a marzo 2018 decide di rimettersi a studiare. Si trasferisce così a Roma, dove frequenta “Il lavoro editoriale”, un master in editoria organizzato dalla Scuola del Libro in collaborazione con edizioni SUR.
Da allora Roma le è rimasta nel cuore, e ci torna ogni volta che può.

Martina Ricciardi - Traduttrice professionista
Ilaria Stoppa - Traduttrice professionista

Ilaria Stoppa

Nasce a Ivrea, la città del carnevale delle arance, ma la sua carriera da migrante comincia molto presto, quando a diciassette anni si trasferisce nella bella e trafficata capitale.
Lì, dopo essersi sentita come “Caterina va in città”, trova la sua dimensione, si diploma al liceo classico e prosegue i suoi studi in lingue. Viaggia parecchio, soprattutto in giro per la Francia. Nel 2013 approda a Milano e, ramoscello dopo ramoscello, costruisce il suo piccolo nido di felicità.
Una volta presa la laurea alla scuola civica “Altiero Spinelli”, promette amore eterno alla traduzione letteraria. Vive con la sua gatta Josephine, insegna e traduce dall’inglese e dal francese. Trilogia della città di K è il libro che consiglia a tutti. Non rinuncia mai a un buon bicchiere di vino rosso.

Elisa Fasola

Cresciuta a tè e Harry Potter nella verdeggiante provincia comasca, si domanda spesso se la sua vera patria sia l’Italia o il Regno Unito. Per ora non ha ancora trovato una risposta né abbandonato la sua terra natale, ma, grazie agli studi in lingue (la sua passione più grande), a qualche viaggio appena può, e al fascino per la traduzione, continua a coltivare l’entusiasmo per il mondo anglosassone. Ha studiato Lingue e letterature straniere a Milano e si è poi specializzata nell’ambito della traduzione seguendo diversi corsi di formazione post-laurea. Agatha Christie è la sua scrittrice del cuore, ma il giallo non fa per lei. Se le chiedete di indossare qualcosa di troppo colorato probabilmente userà la scusa del “non è in palette”. Ama tutto ciò che ha una storia da raccontare: libri, musei, vintage e mercatini dell’usato.

Elisa Fasola - Traduttrice professionista

SALOTTI DI TRADUZIONE

Il salotto, la zona più confortevole della casa, dove ci si può rilassare o fare due chiacchiere con un amico. O leggere un buon libro. Il salotto, da sempre, ha riunito intellettuali e artisti di ogni epoca. Qui si scambiavano idee, e diffondevano la cultura.

 

Noi abbiamo deciso di ripartire da questo ambiente, così intimo e fervido, per promuovere la traduzione e presentare le pubblicazioni recenti attraverso la voce del traduttore, che può spiegare le sue scelte o l’approccio che ha seguito. Invitiamo quindi un traduttore a presentare il suo lavoro e a discutere, ad esempio, delle maggiori difficoltà che ha dovuto affrontare, sul piano sia linguistico sia culturale, e a condividere le rese più riuscite leggendo i passaggi più emozionanti e significativi.

 

Ma i salotti di traduzione non sono riservati solo agli “addetti ai lavori”. Il nostro desiderio è quello di aprirli anche a persone che non si occupano di traduzione. Ci piacerebbe accogliere personalità diverse, studenti e lettori – insomma, chiunque sia curioso di conoscere un libro da un’altra prospettiva e imparare qualcosa di più sul nostro mestiere. Una buona traduzione aiuta ad apprezzare meglio un libro. Noi lo sappiamo già, e vogliamo dimostrarlo a tutti.

SALOTTI DI TRADUZIONE 23
Zeppa, il podcast della traduzione

ZEPPA | dimmi di più

Zeppa è un podcast di traduzione ispirato alla nostra rivista Intrecci che abbiamo ideato in un torrido pomeriggio di luglio 2022 insieme ad Alice Provenghi, ex corsista di Parole Migranti con cui è nata una bella amicizia. Il podcast è legato a Intrecci e ai fantastici racconti che pubblichiamo, ma è anche molto di più! Contiene quattro scatole: racconti inediti e ritrovati, interviste a chi illustra e traduce, chiacchiere tra gli scaffali delle nostre librerie preferite e micro pillole di traduzione. Per esplorare il mestiere delle parole, le scelte e le sfide che fanno parte della vita di chi traduce abbiamo pensato di creare un podcast alla scoperta dell’universo Traduzione.

A partire dal 1 febbraio 2023, il podcast è disponibile su tutte le principali piattaforme.

 

 Perché chi l’ha detto che una rivista non può parlare?

ASCOLTALO QUI

Collaboriamo con…

Le realtà con cui collaboriamo o abbiamo collaborato:

Ti piace il nostro progetto e vorresti unirti a noi?

Siamo una piccola realtà, quindi per ora non siamo alla ricerca di personale o collaboratori fissi da inserire nel team. Ma ci piace molto coinvolgere le persone che, come noi, condividono la passione per i libri e per la traduzione letteraria. Per cui, se vuoi, mandaci pure il tuo CV e lo inseriremo nel nostro archivio per eventuali collaborazioni future.

AAA illustratore cercasi!

Sei un illustratore o un’illustratrice e ti piacerebbe ideare la copertina del prossimo numero di Intrecci, la nostra rivista? Scrivici! Siamo sempre alla ricerca di nuove menti creative!

Iscriviti alla nostra Newsletter
per conoscere tutti i corsi e le attività firmati Parole Migranti!