Lorem Ipsn gravida nibh vel velit auctor aliquet.Aenean sollicitudin, lorem quis bibendum auci elit consequat ipsutis sem nibh id elit

FOLLOW ME

TWITTER GPLUS FACEBOOK BEHANCE PINTEREST

POLLO ALLE PRUGNE, Marjane Satrapi

Traduzione di Boris Battaglia, Rizzoli Lizard editore

 

Nasser Ali è un musicista depresso e tormentato da quando la moglie ha spezzato il suo tar – una specie di liuto persiano. Decide allora di lasciarsi morire. Il 15 novembre del 1958 si mette a letto e non si alza più. Morirà otto giorni dopo, il 22 novembre 1958. Otto giorni in cui non mangia, non beve, non suona più. Tutto quello che fa è ricordare: così, attraverso la memoria e i pensieri del protagonista, il lettore entra in contatto con la vita, i fallimenti, le delusioni e le esperienze passate di Ali.

Solo, nella sua stanza, ripensa a un amore perduto, ma mai dimenticato, alla madre e alla sua morte, alla sua infanzia e ai fallimenti scolastici, al fratello maggiore e le scelte politiche non condivise, ai figli e le inevitabili preferenze che si sviluppano negli anni.
Tutto si svolge in modo rapido e dinamico, ma mai banale. Nasser Ali è un personaggio che intenerisce e commuove. Non si può far altro che accompagnarlo verso una fine consapevolmente triste.

Marjane Satrapi scrive questo piccolo capolavoro di 80 pagine con grande maestria e consapevolezza. Con la sua scrittura diretta e ben calibrata, riesce a esprimere in modo impeccabile la disperazione, il dolore e la passione di un uomo. La brevità delle frasi incalza il ritmo; i dialoghi serrati e le risposte secche (“Allora come va?” “Lo vedi. Sono ancora vivo.”) danno un sapore amaro a tutto il graphic novel.

La Satrapi, però, non rinuncia mai all’ironia e anche nei momenti più tristi inserisce un elemento, un particolare che strappa un sorriso al lettore. A rendere il tutto ancora più equilibrato ci sono le immagini; rigorosamente in bianco e nero, esprimono le certezze negate, le domande senza risposta sulla famiglia, sulla coppia e sul significato della vita.
Solo il pollo alle prugne, il piatto preferito di Nasser Ali, sembra per un attimo ridare colore e speranza: ma è una piccola illusione, un barlume di luce in mezzo al buio più profondo.
Boris Battaglia entra in punta di piedi in questo testo così delicato e prezioso. Grazie alla cura e alla ricerca nei minimi dettagli del lessico, il lettore italiano percepisce ogni sfumatura voluta dall’autrice. Tutti gli ingredienti sono al loro posto: la disperazione, l’angoscia, i rimpianti e la frustrazione. Ben riusciti sono soprattutto i dialoghi che rendono le scene reali, tangibili. Quando, per esempio, una delle figlie di Nasser, scherzando con il fratello, esclama: “T’as pété?”, in italiano viene reso con “puzzone!”, termine molto simpatico e tipico del linguaggio dei bambini.

Non mancano elementi estranianti che – sapientemente – Battaglia non traduce. Oltre al tar, viene usata la parola Khan (signore in iraniano). Sono presenti, poi, innumerevoli riferimenti alla cultura e alla storia dell’Iran: viene citato il poeta Khayyan, l’ottavo imam degli sciiti Reza, i Dervisci, mistici sufi e la città santa Mashad. Se da una parte, dunque, il lettore viene catapultato in un mondo altro, lontano, dall’altra il traduttore crea una lingua fluida e scorrevole che restituisce tutto il valore e la grandezza di questo graphic novel.

Traduce dall'inglese e dal francese