Lorem Ipsn gravida nibh vel velit auctor aliquet.Aenean sollicitudin, lorem quis bibendum auci elit consequat ipsutis sem nibh id elit

FOLLOW ME

TWITTER GPLUS FACEBOOK BEHANCE PINTEREST

PLAYLOST – SCAFFALE 8

MI RICORDO, SÌ, IO MI RICORDO

Section Title Separator

«Io una volta andai al cinema con i miei genitori a vedere “Il vampiro” di Dreyer. All’ultimo momento, pensando che mi sarei spaventato troppo, scelsero “La nave bianca” di Rossellini. Io, che non mi ero reso conto del cambio, aspettai invano per tutto il film l’apparizione del mostro. Per molti giorni non mi diedi pace per non essere stato capace di riconoscerlo fra tutti quei marinai.»

Laggiù, Michele Mari

 

La memoria è la capacità del nostro cervello di conservare le informazioni assimilate attraverso l’esperienza, e di richiamarle sotto forma di ricordo. Ma come sono collegati il ricordo personale e la memoria? Ettore ha deciso di raccontarcelo in questo scaffale in cui, titolo dopo titolo, è andato a scavare nell’essenza più profonda dell’essere umano per poi arrivare alla conclusione che, spesso, la memoria personale è indissolubilmente legata a quella della società che ci circonda.

 

Ecco i titoli scelti dal nostro libraio:

 

  1. Geologia di un padre, Valerio Magrelli (Einaudi editore)
  2. Gli anni, Annie Ernaux (L’orma editore, trad. di Lorenzo Flabbi)
  3. Il gigante sepolto, Kazuo Ishiguro (Einaudi editore, trad. di Susanna Bsso)
  4. Tu, sanguinosa infanzia, Michele Mari (Einaudi editore)
  5. Il veleno dei ricordi, Matteo Fontana (Giangiacomo Feltrinelli Editore)
  6. Ritrovarsi a Parigi, Gajto Gazdanov (Fazi Editore, trad. di Manuela Diez)
  7. Fondamenta degli incurabili, Iosif Brodskij (Adelphi Edizioni, trad. di Gilberto Forti)
  8. Ricordi dormienti, Patrick Modiano (Einaudi editore, trad. di Emanuella Caillat)
  9. Ritorno a Reims, Didier Eribon (Bompiani, trad. di Annalisa Romani)
  10. Io non mi chiamo Miriam, Majgull Axelsson (Iperborea, trad. di Laura Cangemi) Titolo consigliato da: eb_lena

 

Buona visione, e buone letture!

Ad oggi può affermare, a proposito di agognate certezze, di aver capito almeno due cose: la prima è che avere in tasca un buon libro aiuta; la seconda è che ama i viaggi in treno e l'inizio di tutte le cose.