Lorem Ipsn gravida nibh vel velit auctor aliquet.Aenean sollicitudin, lorem quis bibendum auci elit consequat ipsutis sem nibh id elit

FOLLOW ME

TWITTER GPLUS FACEBOOK BEHANCE PINTEREST

Il latte dei sogni, Leonora Carrington

(trad. di Livia Signorini, Adelphi, 2018)

John ha due orecchie che sembrano ali. Sono così grandi che un giorno prendono il volo e se vanno via, lasciando il poveretto senza testa. Il Senor Baffo Baffuto ha due facce, una figlia che mangia ragni e una moglie a testa in giù. Lolita Vomito è brutta, e puzza di cacca. Va sempre in giro con dei pezzetti di carne marcia da dare ai bambini, perché lei li odia, i bambini. Don Crecencio è un macellaio con una passione smodata per i conigli. E anche per le rose, ma purtroppo nel suo giardino non crescono, così un giorno prepara un composto di carne di capra e lo spalma sulle rose, insieme a un po’ di lardo. Questi (e molti altri) sono i personaggi dei dieci racconti che compongono Il latte dei sogni, l’albo illustrato di Leonora Carrington pubblicato da Adelphi nella bella collana «I cavoli a merenda». Le illustrazioni, così come i testi, sono di Carrington che, a quanto pare, aveva riempito una stanza della sua casa in Messico di disegni che terrorizzavano i bambini.

Salvador Dal definì la pittrice e scrittrice britannica «la più importante artista surrealista-donna», e mi sono bastate le sessanta pagine del Latte dei sogni per capire perché. Nonostante le illustrazioni “fanciullesche” e il lessico − solo in apparenza − semplice, quello di Leonora Carrington è uno stile che sfiora la dimensione onirica e, molto spesso, dell’assurdo. Non si leggono tutti i giorni storie di bambini a cui la testa vola via, di pezzetti di carne marcia parlanti, o di divani con le fauci e tutto il resto. Ma è proprio quest’atmosfera di nonsense che aleggia tanto sul testo quanto sulle illustrazioni a rendere l’albo interessante − come se la scrittura e le illustrazioni diventassero un tutt’uno. La scrittura è varia: in alcuni racconti prevale l’ipotassi e in altri la paratassi, ma i dialoghi sono una costante di tutto il libro. E giustamente, visto che è (anche) un libro per bambini. Molti racconti hanno un inizio e una fine, mentre altri non iniziano e non finiscono. Spesso l’autrice si limita a descrivere il personaggio o una scena, quasi volesse lasciare al lettore la libertà di inventarsi la storia che preferisce.

Tradurre libri per l’infanzia non è mai semplice, e tradurre The Milk of Dreams lo deve essere stato ancora meno. Quando si è davanti a una scrittura così ricercata, surreale, non bisogna cadere nella tentazione di semplificare il tutto perché «tanto è un libro per bambini». Livia Signorini, secondo me, è riuscita a rispettare tanto la natura di questo albo illustrato quanto lo stile di Leonora Carrington, accompagnando una struttura lessicale semplice a un lessico variegato, onirico, peculiare, proprio come quello dell’originale. Ha inventato e, in un certo senso, addomesticato laddove era necessario (leggerete di Lolita Vomito e del Señor Baffo Baffuto, ad esempio), ma sfogliando il libro si percepisce la cultura altra in cui il libro è stato pensato. E questa, per il traduttore, è sempre una vittoria.
Curiosità: nel racconto «Il Piccolo George», il protagonista è un bambino a cui cresce una casa al posto della testa. Tutti lo guardano male, ma “he was happy to play with his house”, che in italiano è diventato «era contento di giocare con la sua testa-casa». In italiano si trova dunque una piccola aggiunta che nell’originale non c’era. Forse per facilitare la lettura?

Traduce dall'inglese e dal russo